Cupramontana

Il suo nome deriva dalla fertilità di cui la dea Cupra ne era la rappresentazione.
A Cupramontana, la favorevole posizione e la natura del terreno sono il binomio che ha reso questa terra molto fertile ed in particolare adatta alla produzione del vino.
Di origine picena divenne anche un importante municipio romano, seguì nei secoli le vicende legate alle altre realtà della Vallesina.
Da visitare l’antica Abazia del Beato Angelo fuori dal centro sulla strada per Staffolo, in direzione opposta rispetto al centro di urbano c’è il suggestivo eremo dei frati bianchi, raggiungibile con una rilassante passeggiata tra gli alberi di una selva.
Qui l’economia si muove attorno alla produzione del vino ed ogni anno la prima settimana di ottobre si svolge la Sagra dell’uva.

realizzato da carnevalione - lemarche.it ©

torna su