Fratte Rosa

Fratte Rosa si trova a 419 m. s.l.m. sulle colline tra le medie valli del Cesano e del Metauro.

Il toponimo sembra derivi dal Castrum Fractarum di Asdrubale, a cui nell’800, fu aggiunto Rosa forse per la tipica colorazione dei mattoni delle case.

Sebbene il territorio fosse abitato in epoche antecedenti, solo dopo la costruzione del Convento di Santa Vittoria da parte dei monaci ravennati di S.Apollinare in Classe nel 1216, si può parlare di vero e proprio insediamento.

Con il suo castello, Fratte Rosa, divenne il capoluogo della cosiddetta Ravegnana, un vero e proprio stato dipendente dai monaci classensi di Ravenna.

Nei secoli seguenti vide l’avvicendarsi dei vari signori che cercavano il predominio della zona, i Malatesta, i Montefeltro ed i Della Rovere per passare poi, nel ‘600 allo Stato Pontificio.

Il borgo medievale di Fratte Rosa, arroccato sulla collina, è ben conservato, racchiuso tra le mura di cinta.

Fratte Rosa è conosciuta per la tradizione secolare della produzione delle terrecotte che qui chiamano “cocci”.

La produzione dei “cocci di Fratte Rosa” è svolta ancora in maniera artigianale nei laboratori del posto.

Da Vedere

Il castello di Torre San Marco

Il Convento di Santa Vittoria, sede del Museo delle terracotte